29 Settembre 2020

Bayer celebra la ricorrenza con uno speciale video dei medici della band che hanno suonato con Luca Carboni

Il 29 settembre si celebra la Giornata Mondiale del Cuore, voluta dalla World Heart Federation, con l’obiettivo di migliorare la consapevolezza sulle malattie cardiovascolari. 

Il particolare momento storico che stiamo vivendo, in fase post-emergenza COVID19, ci impone di prestare particolare attenzione alla prevenzione, da ogni punto di vista, anche quello del cuore. La pandemia sta infatti mettendo a rischio il raggiungimento dell’imminente obiettivo fissato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità* di ridurre del 25% le malattie croniche non trasmissibili, tra le quali rientrano le malattie cardiovascolari.

Siamo portati a pensare che la nostra salute cardiovascolare si possa semplicemente affidare ai consigli delle autorità sanitarie in favore di uno stile di vita sano, o che dipenda solo dai contatti con il nostro medico di fiducia” – dichiara il Prof. Claudio Ferri, Past President di SIIA (Società italiana Ipertensione Arteriosa) – “In realtà non sempre è sufficiente, dobbiamo imparare a sfruttare anche tutte quelle figure professionali parte integrante del territorio, come ad esempio i farmacisti, che possono supportarci nella corretta prevenzione. La salute del cuore è un vero e proprio gioco di squadra”.

Anche Bayer, in occasione della Giornata Mondiale del Cuore, continua il suo impegno nella divulgazione, ospitando sulla pagina Facebook “Il Battito del cuore, uno speciale video celebrativo. Sarà l’occasione per vedere la band di cardiologi all’opera nel dare nuova vita alla canzone “Ci vuole un fisico bestiale” di Luca Carboni: l’incisione della nuova versione del brano, le interviste e i segreti del backstage durante la realizzazione del videoclip.

Una collaborazione, quella tra Bayer, Luca Carboni e la band di cinque cardiologi, che ritroviamo anche in campo clinico, nella prevenzione delle malattie cardiovascolari. A questo proposito il Prof. Claudio Ferri infatti dichiara che “La salute del cuore ha bisogno di una pluralità sinergica di interventi, che metta insieme la medicina di famiglia e i vari specialisti. La cura del cuore è a carico di una squadra, in cui i medici ne sono parte preponderante, ma tutte le figure professionali che interagiscono con i pazienti debbono essere coinvolte”.

Chi sceglie la prevenzione e si informa correttamente, fa gioco di squadra. I canali dove i pazienti, i caregiver e gli utenti possono reperire informazioni e consigli a distanza esistono, basta scegliere quelli affidabili ed accreditati, come ad esempio il sito della SIIA che rappresenta uno strumento serio cui affidarsi per essere aggiornati.

Tags | bayerCHILIPRgiornatamondialedelcuorelucacarboniufficiostampamilano

Ultimi articoli